La neurotrasmissione glutammatergica 4/ Ruolo dello ione zinco

Eccoci giunti alla quarta parte! In questo articolo andiamo alla scoperta della connessione tra l’omeostasi sinaptica dello zinco e l’eccitotossicità da glutammato, per poi trattare il ruolo dello zinco nella modulazione della neurotrasmissione glutammatergica. Lo zinco, nella forma ionica (Zn2+), è un elemento importante nella biologia di microrganismi, piante e animali, incluso l’uomo. E’ il secondo elemento …Read More

La neurotrasmissione glutammatergica 3/ Recettori metabotropici ed eccitotossicità

I recettori metabotropici per il glutammato accoppiati a proteine G sono indicati con la sigla “mGlu” e sono ampiamente diffusi nel cervello, dove svolgono funzioni sia eccitatorie sia inibitorie a livello pre- e postsinaptico. Questi recettori sono accomunati tutti dall’avere una struttura a 7 domini transmembrana: l’N-terminale ospita il sito di legame del ligando e …Read More

La neurotrasmissione glutammatergica 2/ I recettori ionotropici

Parliamo di recettori. Il glutammato può attivare sia recettori canale che recettori associati a proteine G. I primi sono deputati alla trasmissione di stimoli rapidi e vengono comunemente detti recettori ionotropici mentre i secondi sono chiamati recettori metabotropici. Correggo comunque il tiro dicendovi che, rispetto a quanto avevo prospettato la volta scorsa, in questa seconda parte tratterò soltanto i …Read More