Cancro: nuovo complesso del platino lega il DNA non covalentemente e provoca morte cellulare

I farmaci contenenti metalli esistono da decenni ed il cisplatino è noto come uno dei farmaci antitumorali più efficaci. Tuttavia, la chemioterapia basata su questo complesso del platino(II) comporta una serie di effetti secondari (quali nefrotossicità, ortotossicità, squilibrio elettrolitico e farmaco-resistenza intrinseca o acquisita) che ne limitano seriamente l’utilizzo in clinica.